06 Mar

Avviso 1/19 FBA Piani aziendali, settoriali e territoriali

Data di pubblicazione: 22/02/2019

Chiusura prevista: 31/12/2019

Dotazione finanziaria: € 12.000.000,00

 

 

Sintesi dell’Avviso 

L’Avviso finanzia Piani aziendali, settoriali e territoriali finalizzati al consolidamento e allo sviluppo dell’occupabilità, dell’adattabilità e delle competenze dei lavoratori/lavoratrici, nonché alla crescita della capacità competitiva delle imprese.

L’Avviso rimarrà aperto fino al 31 dicembre 2019.

La dotazione finanziaria dell’Avviso è di € 12.000.000,00 (dodici milioni di Euro).

Ogni singola impresa, beneficiaria anche di più Piani, ha diritto ad un finanziamento complessivo correlato al numero dei dipendenti iscritti al Fondo al 31 gennaio 2019 (competenza dicembre 2018), esclusi i dirigenti. Nella tabella seguente sono riportate le classi di finanziamento.

Classi dimensionali Finanziamento complessivo per singola impresa
Fino a 80 dipendenti € 3.600,00
Da 81 a 250 dipendenti € 16.800,00
Da 251 a 500 dipendenti € 36.000,00
Da 501 a 1.500 dipendenti € 60.000,00
Da 1.501 a 3.000 dipendenti € 96.000,00
Da 3.001 a 5.000 dipendenti € 156.000,00
Da 5.001 a 7.500 dipendenti € 228.000,00
Da 7.501 a 10.000 dipendenti € 312.000,00
Da 10.001 a 30.000 dipendenti € 960.000,00
Da 30.001 a 40.000 dipendenti € 1.440.000,00
Oltre i 40.000 dipendenti € 1.680.000,00

 

Il finanziamento richiesto al Fondo per ciascun Piano non potrà superare il valore di  € 2.000.000,00 (due milioni di Euro).

Il finanziamento effettivo di un Piano formativo sarà correlato al punteggio totale ottenuto, secondo i seguenti parametri:

Parametrazione del finanziamento in base al punteggio

=> 650 punti < 700 punti =>700 punti =< 800 punti 800 punti
80% del finanziamento richiesto 90% del finanziamento richiesto 100% del finanziamento richiesto

 

I requisiti indispensabili per poter essere coinvolti in un Piano formativo del presente Avviso sono:

  1. a) adesione effettuata entro il 31 gennaio 2019 (competenza dicembre 2018);
  2. b) contribuzione complessiva, al 31 gennaio 2019, uguale o maggiore di € 3000,00;
  3. c) essere in regola, a decorrere dalla dichiarazione contributiva relativa a gennaio 2013, con l’inserimento nel sistema informatico CFI (Contribuzione Fondo Interprofessionale) dei dati relativi alle dichiarazioni mensili presentate all’INPS;
  4. d) numero dei dipendenti iscritti al Fondo al 31 gennaio 2019 (competenza dicembre 2018), esclusi i dirigenti, pari o superiore a 501;
  5. e) numero dei dipendenti iscritti al Fondo al 31 gennaio 2019 (competenza dicembre 2018), esclusi i dirigenti, minore di 501 ma appartenenza ad un Gruppo la cui Capofila rispetti il requisito di cui alla precedente lettera d).

Le imprese che rientrano nella lettera e) possono scegliere di partecipare all’Avviso 3/19 se presentano esclusivamente per i propri dipendenti. In questo caso, non possono partecipare anche all’Avviso 1/19.

Le domande di finanziamento potranno essere presentate, esclusivamente on-line, dal 20 marzo 2019.

Le attività potranno iniziare solo dopo la presentazione al Fondo della domanda di finanziamento e dovranno terminare entro 12 mesi dalla data di presentazione del Piano, pena la revoca o la revisione del finanziamento.

I parametri di finanziamento erogati dal Fondo per un’ora di formazione per lavoratore sono indicati nella tabella seguente:

Parametri di finanziamento
Formazione obbligatoria €7,50/h
Formazione aggiornamento, sviluppo e riconversione €30,00/h
Lingua straniera – con certificazioni e attestazione di livello in entrata e in uscita con European Framework o TOEFL €20,00/h
Informatica – con certificazione in uscita AICA €25,00/h
Informatica – con attestazione di livello in entrata e in uscita €20,00/h

 

Qualsiasi tipologia di attività formativa svolta in training on the job e tramite project work o partecipazione a seminari e convegni, verrà comunque valorizzata con un parametro pari a € 10,00/h.

Le attività formative svolte in formazione a distanza (FAD) verranno valorizzate con un parametro pari a € 20,00/h e il sistema utilizzato dovrà prevedere la certificazione dell’apprendimento.

La formazione obbligatoria è compresa nelle seguenti tematiche e sarà finanziata se esplicitamente prevista tra le Parti nell’Accordo sindacale e solamente in caso di utilizzo del Regime d’aiuti «de minimis» (Regolamento UE N. 1407/2013 della Commissione):

– Testo unico sulla sicurezza (D.lgs. 81/2008) e successive modifiche;

– Regolamento IVASS n. 40 del 2 agosto 2018, relativamente ai soggetti tenuti all’obbligo di formazione e aggiornamento previsti nella Parte IV, Titolo 1, articolo 86 del Regolamento IVASS (cfr. Allegato 1).

I corsi di formazione e aggiornamento previsti dal Regolamento IVASS n. 40 del 2 agosto 2018, non sono ritenuti di formazione obbligatoria qualora richiesti dai seguenti soggetti:

– le imprese di assicurazione e riassicurazione;

– gli intermediari iscritti nelle sezioni A (Agenti), B (Broker) e D (Banche, SIM, Intermediari Finanziari e Poste Italiane) del RUI (Registro unico elettronico degli intermediari assicurativi e riassicurativi).

related posts

add a comment